Lanzo d'Intelvi
HOME   |  UFFICIO TURISTICO   |  COME ARRIVARE   |  ALBERGHI   |  RISTORANTI   |  STORIA E CULTURA   |  LINK   |  CONTATTI
SIGHIGNOLA BALCONE D'ITALIA
FOTO DELLA SETTIMANA


NOVITĄ ED EVENTI A LANZO D'INTELVI

02.03.2017 MANIFESTAZIONI ED EVENTI AL PALALANZO, SALA CONSIGLIARE E VILLA TURCONI »»
11.11.2016 E' APERTO IL TESSERAMENTO FISI 2017/2018 »»
 Sighignola Balcone d'Italia

 

La Sighignola

compie cent’anni

 

e non li dimostra 

 

Il 29 settembre in vetta si è tenuta la cerimonia per ricordare l’apertura della strada e della terrazza panoramica volute dal Touring Club Italiano.

Rilancio in vista per una delle località più belle d’Italia, eletto “Luogo del Cuore” del FAI, fiore all’occhiello della Val d’Intelvi (Co).

 

Sono trascorsi ormai due anni dall’operazione di abbattimento dell’ecomostro che dalla fine degli anni ’60 deturpava uno dei luoghi più belli d’Italia. Oggi con la cerimonia di celebrazione del Centenario dell’apertura della strada Lanzo-Sighignola, il“Balcone d’Italia”, si rinnova l’attenzione dell’opinione pubblica nei confronti di una mèta turistica di grande richiamo internazionale, fiore all’occhiello della Val d’Intelvi.

I lavori di abbellimento realizzati sul versante svizzero con la costruzione di una seconda terrazza e la realizzazione di un’area giochi e pic nic hanno reso ancora più attrattiva la località. Oggi sono state inaugurate due nuove tabelle segnaletiche offerte dal Touring Club Italiano e collocate sul terrazzo italiano per illustrare ai turisti le centinaia di vette visibili dalla vetta dal Monte Rosa al Cervino, da Campo dei Fiori ai vicini Brè e Tamaro posti in territorio svizzero insieme ai laghi Maggiore e Ceresio e alla splendida vista sulla città di Lugano.

Era il 1913 quando, con il contributo del Touring Club Italiano, si apriva la strada tra il paese di Lanzo d’Intelvi e il Belvedere della Sighignola. Fu Luigi Vittorio Bertarelli, il padre del TCI, a voler realizzare un punto panoramico d’eccellenza. Una meta turistica di grande richiamo all’inizio del secolo scorso, dove i turisti cercavano aria fresca e grandi panorami. In soli 12 mesi venne realizzata una comoda strada lunga 5,5 chilometri facilmente percorribile in auto, moto e bicicletta. I fondi furono reperiti dal Touring grazie al mecenatismo di molti benestanti innamorati della località lariana come il senatore Salmoiraghi, fondatore dell’omonima ditta, che volle perfino farsi seppellire a Lanzo in una fastosa tomba in puro stile liberty realizzata da Sommaruga e ammirabile ancora oggi. Dopo 100 anni molto è cambiato, ma la vista della Sighignola è rimasta immutata e con essa la processione di turisti – molti stranieri – che quotidianamente raggiungono con ogni mezzo la cima.

Alla cerimonia odierna sono intervenuti il Sindaco di Lanzo d’Intelvi Enrico Manzoni, il Sindaco di Arogno (CH) Corrado Sartori, il consigliere regionale lombardo Francesco Dotti su delega del Presidente del Consiglio Raffaele Cattaneo, il Console regionale del Touring Club Italiano Pino Spagnulo, quello di Como Silvano Leoni, e Ferruccio Spazzi, Presidente del Circolo Legambiente “Laura Scotti” della Val d’Intelvi che tanto si è prodigato in questi anni per riportare la vetta agli antichi splendori.

Oggi è una giornata importante per Lanzo e per tutta la Val d’Intelvi – ha dichiarato Enrico Manzoni, Sindaco di Lanzo d’Intelvi – e la presenza di tanta gente e di tante autorità lo testimonia. Il Comune di Lanzo, la Comunità Montana e tutto il territorio sono fortemente impegnati a recuperare pienamente anche la parte italiana della vetta dopo l’egregio lavoro compiuto in questi anni dagli amici svizzeri. Confidiamo di trovare presto un nuovo gestore al Ristorante Touring posto qui in vetta e purtroppo chiuso da anni in modo da dare un’ulteriore opportunità ai tanti turisti che hanno ripreso a salire fin quassù di conoscere le delizie della cucina tipica locale. ”

"Sono onorato di rappresentare oggi Regione Lombardia - ha affermato il consigliere Francesco Dotti, chiamato a portare il saluto istituzionale del Consiglio regionale d'intesa col presidente Raffaele Cattaneo - a questo importante appuntamento con la storia. La strada Lanzo-Sighignola, è la porta d'ingresso al "Balcone d'Italia", cartolina della Val d'Intelvi e del Comasco nel mondo. La vetta della Sighignola è un importante anello di congiunzione tra Lombardia e Canton Ticino, in un momento in cui i rapporti di confine - per varie vicissitudini - vivono di alti e bassi. E' importante dunque proseguire nella valorizzazione di questo meraviglioso angolo di territorio. L'abbattimento della mai realizzata funivia Lanzo -Campione è stato lo spartiacque di questa "seconda vita" della Sighignola. Tanti i progetti in cantiere, non ultimo la rinascita della funicolare Lanzo - Santa Margherita. Un plauso al Comune di Lanzo per questo speciale centenario e un plauso speciale al Touring, che oggi come allora prosegue nell'opera di valorizzazione delle bellezze di questo come di altri meravigliosi angoli del Belpaese e al Circolo Legambiente Valle Intelvi "Laura Scotti", sentinella sul territorio".

Sulle due terrazze (italiana e svizzera) è anche possibile organizzare convegni, concerti, spettacoli, manifestazioni sportive, godendo al contempo del meraviglioso panorama e della particolare atmosfera che avvolge questo luogo così speciale.

 

L’area svago sottostante è stata invece dedicata alla memoria di Laura Scotti, deceduta tragicamente a soli 36 anni durante una missione umanitaria in Kosovo: Laura Scotti era la responsabile dell’ufficio stampa dell’ Ai.Bi., l’organizzazione non governativa “Amici dei Bambini”, ed era impegnata nell’aiuto agli orfani e alle famiglie bisognose durante il conflitto tra Kosovo e Serbia. 

Video del centenario della strada Lanzo - Sighignola

http://www.youtube.com/watch?v=aOmu2bvBSpo

http://www.youtube.com/watch?v=lv5nuu97Q-w  

 

Percorso delle trincee di Sara Astolfi
Monte Rosa
Cervo
Camoscio
Camoscio
Festa 01 agosto 2013
Panoramica dopo il tramonto
Panoramica prima della notte
Panoramica prima della notte
Panoramica
The use of platinum as a pinnacle precious metal is very much the replica watches of this collection. Usually I have a clear vision on what I think about a watch and its brand, but here I have more mixed feelings of concern and rolex replica sale than anything else. So, humor me a bit as I try and frame it. Specs about the watch, I get to at the end. A blued hand for the pointer rolex submariner replica date further assists legibility and reduces dial clutter, keeping the overall design simple and elegant. The main replica watches sale for this might be that the machines used to produce hands and indices are set up for gold and replica watches platinum such small pieces would be incredibly difficult to craft from platinum, possibly the most challenging metals to work with in the luxury replica watches uk industry.




 
Copyright © Lanzo Intelvi - Design and development by TIOWS -
replica watches sale
replica watches